Occhi stanchi e arrossati: ecco i rimedi naturali

Al giorno d’oggi tra smartphone computer e TV è  inevitabile ritrovarsi prima o poi con gli occhi stanchi o arrossati. Un problema sempre più comune. Anche l’uso prolungato di lenti a contatto può portare a sensazioni di secchezza oculare o di arrossamento. Senza contare l’affaticamento dovuto a condizioni di luminosità scarsa.
Anche un riposo insufficiente o una intensa attività di studio possono causare problemi di stanchezza oculare se non addirittura veri e propri mal di testa.

Vediamo come lenire il fastidio degli occhi stanchi con i rimedi naturali.
Partendo dai rimedi più “classici” vediamo innanzitutto gli effetti benefici della camomilla e dei cetrioli.

L’infuso di camomilla deve essere preparato come di norma e lasciato raffreddare. Vi dovranno essere quindi immersi dei dischetti di cotone dello stesso tipo di quelli struccanti, oppure semplici batuffoli di cotone idrofilo. A questo punto, dopo averli leggermente strizzati, posarli sugli occhi e lasciarli “agire” per almeno 20 minuti.
I cetrioli sono da anni fra i rimedi naturali più diffusi, per la loro efficacia, ma anche per la semplicità del loro utilizzo. Basterà tagliarne un paio di fette non troppo spesse e tenerle sugli occhi 10-15 minuti.
Ancora possiamo utilizzare dischi di cotone imbevuto nel latte freddo, da tenere sugli occhi per 15 minuti, che porteranno una piacevole sensazione di sollievo. La chiave in questo caso è però nel freddo, con il suo effetto decongestionante e rivitalizzante. A questo proposito è opportuno anche tenere due cucchiaini in frigorifero per alcuni minuti e lasciarli sugli occhi finché non si saranno riscaldati.
Un altro impacco fai da te è una “comune” bustina di tè nero. Dopo aver preparato la bevanda calda, mettere a raffreddare le bustine e poggiarle poi sugli occhi per 15 minuti. Chiudiamo questo elenco di rimedi naturali già pronti con la mela, le cui fettine dovranno tenute 30 minuti sugli occhi per produrre i loro benefici effetti.

Molto semplice e veloce è un impacco che utilizza dell’albume, la parte “chiara” dell’uovo. Andrà sbattuto e in esso si provvederà ad immergere delle garze sterili, da applicare poi sugli occhi per alcuni minuti.
L’eufrasia è da tempo ormai considerata un’ottima soluzione per il benessere degli occhi per varie motivazioni. Una su tutte tiene conto delle sue riconosciute proprietà officinali, che ne fanno un antisettico e antinfiammatorio naturale. Sarà necessario preparare l’infuso e applicarlo freddo sulle palpebre chiuse utilizzando i soliti metodi del cotone idrofilo o delle garze sterili.
Molto apprezzato è anche un preparato a base di fiordaliso, da realizzare mettendo 15 grammi di fiori in mezzo litro di acqua. Messa sul fuoco ancora fredda, la soluzione andrà portata fino all’ebollizione e quindi filtrata. Una volta tornata freddo, utilizzare il contenuto per preparare gli impacchi da applicare sugli occhi chiusi. In alternativa, possibile utilizzare al posto del fiordaliso anche la malva e l’acqua di rose.

In ultimo, disponibili in erboristeria sono anche delle tisane totalmente naturali con cui fare impacchi e/o lavaggi oculari, che possono aiutare soprattutto in caso di secchezza oculare arrossamenti e blefariti, in particolare quelli ottenuti grazie agli estratti di  Eufrasia, Fiordaliso. Piantaggine e Meliloto.

Eccovi alcuni nostri prodotti per aiutarvi a risolvere questo problema in modo più professionale. Cliccate sul prodotto che v’interessa per aprirne la scheda:

Antichi rimedi naturali

Tisana di Alchemilla

 14,00

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi